Fanciulli in Festa

Pubblicato giorno 27 giugno 2019 - notizie

39

«Io sono il pane vivo, disceso dal cielo. Se uno mangia di questo pane vivrà in eterno», queste stupende parole di Gesù, riportate nel Vangelo secondo Giovanni (6,51), ci danno il senso della festa per la Prima Comunione di ventidue fanciulli, che, nei giorni 16 e 23 giugno 2019, con vivissima gioia hanno ricevuto l’Eucaristia per la prima volta nella nostra chiesa parrocchiale. Per ognuno di loro la Prima Comunione è stata caratterizzata da profonda contentezza per un incontro importantissimo con Gesù, Pane Vivo!

L’intenso cammino di preparazione di diversi anni è culminato con la giornata di ritiro, svolto il 13 giugno nei locali dei padri Monfortani. Qui, guidati dal parroco e dalle catechiste, i fanciulli hanno trascorso diverse ore di preghiera e riflessione, di gioia tra fratelli e riconciliazione con il Signore.

Il primo gruppo ha ricevuto Gesù Eucaristia il 16 giugno, Solennità della Santissima Trinità: Daniele Buontempone, Francesco Caridi, Michelangelo De Marco, Giada Ficara, Roberta Ficara, Alessandra Marino, Emmanuel Meduri, Simone Pellicanò, Francesco Provenzano.

Il secondo il 23 giugno, Solennità del Corpo e del Sangue di Cristo: Andrea Caridi, Federica Caruso, Antonino Chirico, Antonino Creaco, Pasquale Giustra, Gabriele Furfari, Gabriel Lakhtibi, Gaia Palumbo, Valerio Praticò, Francesco Quattrone, Maria Quattrone, Alice Romolo, Fabrizio Suraci.

Nel giorno della Prima Comunione, i fanciulli sono entrati solennemente in chiesa, accolti dai genitori, emozionati più dei figli e sistemati nei primi banchi. I canti di festa, eseguiti dal M° Pino Puntorieri che guidava il coro dei bambini, dei grandi e l’assemblea, hanno caratterizzato la celebrazione eucaristica.

I fanciulli hanno preso posto attorno all’altare, rendendosi protagonisti nella celebrazione, insieme ai loro genitori e alle catechiste, proclamando le letture e le preghiere, cantando con gioia e portando all’altare i doni per l’Eucaristia. Dopo che don Angelo, nostro parroco, ha scambiato il dono della pace con tutti i fanciulli, questi, in maniera ordinata e con il cuore palpitante di gioia e emozione, hanno ricevuto Gesù!

Nel vedere la gioia e la devozione con cui i fanciulli vestiti a festa hanno ricevuto Gesù, i nostri cuori si sono colmati di gioia e i nostri occhi di lacrime. Ancor più, quando uno dei fanciulli ha ringraziato il Signore per il dono della Comunione: «Caro Gesù, non pensavo che questo giorno sarebbe stato così bello. Sai, il mio cuore batte forte, forte, lo sento scoppiare dalla gioia. Che bello essere qui con i miei genitori e i parenti. Sono sicuro che il più bel regalo me l’hai fatto tu: è il regalo del tuo amore e del tuo cuore».

Il Signore Gesù aiuti questi cari fanciulli a crescere nel suo amore per vivere la bellezza del suo Vangelo in famiglia, a scuola, ovunque, e porti a compimento i desideri espressi nelle loro preghiere, semplici e autentiche, scritte durante il ritiro prima della Comunione.

Caro Gesù, …
… sono contenta di riceverti questa domenica, di riceverti per la prima volta nel mio cuore.
… sto aspettando da molto di riceverti nel mio cuore per diventare tuo amico, conoscerti meglio e far festa con te.
… vorrei tanto che i miei nonni stessero bene in Paradiso. Ti ringrazio perché mi hai sempre aiutato in tutte le occasioni.
… sono molto felice di ricevere te e anche tu lo sei. Sono felice che starò con i miei parenti. Signore, ti aspetto dal Battesimo, è da nove anni che aspetto di riceverti e finalmente è arrivato il giorno.
… vorrei ringraziarti per la mamma, la sorella e la famiglia che mi hai donato. Mia madre non ci fa mancare niente. Per questo ti ringrazio.
… grazie che mi hai creato. Finalmente puoi entrare dentro di me, lo desideravo da tanto tempo. Grazie per tutto.
… fa che dopo la Comunione, ma se vuoi anche prima, tutti siamo più calmi. Ti ringrazio per tutto quello che fai per noi.
… sto cantando in chiesa, grazie per avermi dato una famiglia bella. Non vedo l’ora di aprire il cuore per farti entrare.
… desidero infinitamente di incontrarti nella Comunione e di diventare tuo amico. Spero di non commettere peccati e di volerti sempre più bene.
… io sto contando tutti i giorni che mancano per riceverti. Per favore, fai che la mia famiglia stia bene e, per favore, fai che anche mio nonno stia bene. T.V.B. Gesù.
… ti attendo nel mio cuore. Ora farò la Comunione e ti riceverò per qualche minuto nel mio cuore, ti farò da tabernacolo. Gesù, entra nel mio cuore!
… sto per riceverti e non ho parole di quanto sono emozionato. Così ti conoscerò meglio e anche quando ti riceverò il mio cuore diventerà un tabernacolo, perché quando il parroco consacra l’ostia tu sei vivo, risorto, sotto forma di ostia, e così entrerai nel mio cuore, che diventerà la tua casa.
… sei un amico molto speciale, che hai sempre perdonato tutti. Io aspetto che tu entri nel mio cuore per vivere sempre in pace. Grazie a te, io ora sono qui in questa terra. Io vorrei conoscerti meglio, infatti sto imparando molto su di te. Aspetto con ansia il giorno della Comunione. Ti voglio tanto bene.
… ti ringrazio di avermi creato e perché dici tutte quelle cose belle per noi e perché ti sei sacrificato per noi. Grazie, Gesù.
… non vedo l’ora di riceverti nel mio cuore. Grazie di farmi ricevere questo Sacramento, così potrò rivedere i miei parenti.
… Amico, ti aspetto da molto e ora, che tra qualche giorno ti vedrò, io di gioia impazzirò. E da tanto che ti aspetto, tu sei un sogno nel cassetto. Ora che da me verrai un mio amico diventerai. Amen.
… sono felicissimo perché tra un po’ di giorni ti riceverò nel cuore, e sono emozionato.
… fra un po’ ti riceverò nel mio cuore e ti ringrazio di essermi stato accanto fino a questo giorno molto importante. Per quel giorno il regalo migliore che riceverò sarai tu. In più, quando arriverà quel giorno, non penserò a nient’altro che a te.
… la mia vita è già perfetta, grazie all’amore che tu e le catechiste mi dedicate, perciò ti posso dire: Grazie, Gesù!
… io ti voglio molto bene e aspetto da tanto tempo che tu entri nel mio cuore per sostenermi e rendere il mio piccolo cuore un tabernacolo pieno di gioia eterna. Ti ringrazio per tutto quello che fai per me e per la felicità che mi trasmetti. Amen.
… io ti adoro per tutto l’amore che mi hai dato e per l’amicizia che mi hai donato.

 

Lascia un commento

  • (will not be published)